20 anni di Indipendenza dell’Ucraina


Presentata stamattina alla stampa la mostra “L’Ucraina artistica celebra i 20 anni di Indipendenza dell’Ucraina e i 150 anni dell’Unità d’Italia” che sarà ospitata fino al 13 novembre negli spazi del Museo della Civiltà Romana.
L’Ucraina si racconta, in occasione del ventennale della sua indipendenza, attraverso le opere di tre artiste: Olilga Milentiy, (anche alla Biennale di Architettura di Venezia) Nadiya Stoyko e Galyna Chukal, che intendono esprimere lo spirito della loro cultura attraverso un percorso in grado di trasmettere emozioni, sentimenti e suggestioni caratteristiche del loro paese d’origine. L’idea che attraversa la mostra è così una visione simbolicamente vitale, critica e proiettata verso il futuro. La manifestazione, che rientra nell’ambito della rassegna “Arte e cultura dell’Europa dell’Est a Roma”, presenta quadri, installazioni, convegni, dibattiti, proiezioni di film e di documentari
Sono circa 10mila i residenti ucraini nel Comune di Roma, anche se si ipotizzano un numero complessivo di ucraini molto più alto, che sfiora il mezzo milione.
Quest’anno, il 20° anniversario dell’Indipendenza dell’Ucraina in concomitanza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, ha indubbiamente contribuito a fornire uno spunto affinché i rappresentanti di questa comunità – tanto presente qualitativamente e quantitativamente nella Capitale – vivace da un punto di vista artistico, culturale e sociale, avessero l’ opportunità di  far conoscere il  loro  patrimonio culturale e la loro condizione di migranti, nel  modo  più autentico, diretto, immediato e coinvolgente possibile, creando e suggerendo al tempo stesso  sintesi e  contaminazioni  tra  loro cultura e la nostra,  in modo  immediato e innovativo.