Apprendisti imperatori ai Capitolini con la voce di Marco Aurelio


Ai Musei Capitolini il nuovo servizio di audio guida per bambini per conoscere la storia, i protagonisti e i capolavori artistici del museo più antico del mondo guidati dalla voce dell’imperatore Marco Aurelio tra regalità… e gioco.

“Hai la stoffa per diventare un vero imperatore anche tu?”

E’ questa la sfida lanciata dal grande Marco Aurelio ai bambini in visita ai Musei Capitolini: la voce dell’imperatore romano, in tutta la sua magnificenza, dà un benvenuto speciale ai più giovani curiosi attraverso il nuovo percorso di audioguida, unservizio a misura del “piccolo visitatore”, dai 6 ai 12 anni, disponibile in italiano e in inglese al costo di euro € 4.00.

E’ lo stesso imperatore, in sella al simpatico e sarcastico destriero Lampo, a spiegare l’utilizzo del ‘magico apparecchio’. Cavalcando per le sale, tra battute, spiegazioni, risate e momenti d’ispirazione e commozione, si incontreranno personaggi straordinari e si ascolteranno racconti di divinità, di guerre, di amore e bellezza.

Gli apprendisti imperatori potranno allora scoprire la storia e le opere del museo più antico del mondo attraverso un percorso in 30 appassionanti tappe!

Si parte dai frammenti della statua colossale di Costantino e dallo Spinario, piccola scultura bronzea raffigurante il giovane pastorello intento a togliere –da oltre 2mila anni! – una spina dal piede, alla statua della Lupa capitolina che, con la sua straordinaria forza evocativa, domina la sala e rappresenta il simbolo della città. Qui l’imperatore sarà soprafatto dall’emozione e toccherà a Lampo raccontare la famosa leggenda della nascita di Roma, dalle sanguinarie azioni di Amulio, fratello di Numitore, al ritrovamento dei neonati, Romolo e Remo, ad opera proprio della lupa fino alla fondazione di Roma. Racconto epico e insieme chiarimento sull’origine dell’opera: le statue dei fratellini sono stati aggiunti solo anni dopo la realizzazione della lupa, trasformando la scultura in un’immagine leggendaria.

Tra gli altri, tappe obbligate davanti a capolavori ammirati in tutto il mondo: dal busto di Medusa, raccapricciante gorgone scolpita dal Bernini che racconterà i suoi poteri in un sibilo di serpenti, alla statua equestre di Marco Aurelio, opera originale e recentemente restaurata – la copia fedele è collocata nella piazza del Campidoglio, aggiunge Lampo – ‘protetta’ al centro dell’omonima esedra, una luminosa aula dall’aspetto ipertecnologico.

Orgoglio e solennità nella descrizione della statua dalla ‘guida’ Marco Aurelio: non manca un sottofondo di fanfare trionfali e folle incoraggianti.

Fra i tanti passaggi del percorso, ecco uno stop ‘sfavillante’ al Medagliere Capitolino: in un rumore di monete, Lampo smorza l’eccitazione dell’imperatore di fronte a tanto oro e gioielli (oltre 50mila pezzi!). Viene cosi spiegato ai bambini come le monete rappresentino il legame più saldo di un popolo con il passato. Fra i tanti reperti, medaglioni ricoperti di pietre preziose, spille a forma d’aquila e, soprattutto il vero capolavoro della sala: il medaglione d’oro che raffigura Marco Aurelio che monta il suo fedele Lampo.

Le due illustri guide percorrono poi la Galleria Lapidaria, dalle mura rivestite di solenni epigrafi, per giungere al magnifico spettacolo offerto dal Tabularium, l’archivio dei documenti ufficiali dell’Antica Roma. Marco Aurelio invita i piccoli visitatori a lasciarsi incantare dalla vista sul Foro Romano fino al Colosseo.

Un tubare di colombe accompagna la spiegazione del mosaico di colombe, opera in marmo di Sosos di Pergamo ritrovata nella villa dell’imperatore Adriano, mentre un pubblico applaude il mosaico di maschere sceniche. E’ divertente il siparietto tra ‘Tragedia’, la portatrice di oscuri presagi, e “Commedia”, che regala barzellette e vocine buffe. Il saggio Marco Aurelio ricorda ai bambini che la vita è un susseguirsi di eventi tragici e comici.

Al passaggio lungo la Sala degli Imperatori, con un invito a soffermare l’attenzione ai volti dei personaggi che la dominano per capire i tratti delle loro personalità, segue la tappa nella Sala dei Filosofi. Qual è il senso della vita? Che cos’è la verità? I piccoli visitatori impareranno che un imperatore saggio si circonda di grandi menti e segue attentamente i loro i consigli. Fanno capolino Euripide e Socrate, che sentenzia “C’è un solo bene: il sapere. E un solo male: l’ignoranza”. E ancora Omero, Cicerone e Pitagora, per cui “E’ meglio consumarsi nel silenzio, oppure dire cose di maggior valore del silenzio”. Il monito che lascia Lampo è chiaro: bisogna imparare quanto più possibile mentre si cercano le risposte.

Eppure ogni tanto bisogna fermarsi, liberare la mente e godere delle piccole cose della vita. Lo raccomanda la Satiro in riposo, rilassato mentre suona il flauto. E’ riconoscibile dalle orecchie ferine particolarmente appuntite ed è appoggiato ad un tronco in molle abbandono. Sulla spalla indossa una pelle di pantera, nella costante ricerca di feste e gozzovigli. Del resto, aggiunge sbadigliando, divertirsi sempre stanca.

Dura poco il riposo! Nella successiva sosta Marco Aurelio, colmo di orgoglio guerriero, presenta ai bambini il Galata Capitolino. Il guerriero gallo è stato sconfitto sul campo di battaglia ma, anche sofferente, è fiero di combattere per il suo popolo. Lampo indica la ferita ancora sanguinante sul petto del soldato: i galli combattevano senza armatura e indossavano una spessa collana in bronzo, detta ‘torque’, simbolo del suo rango. E poi portavano i baffi, mentre i romani di solito avevano il viso rasato. Questa scultura è famosa oggi in tutto il mondo come rappresentazione di coraggio contro ogni avversità.

Lampo si ferma.

Il viaggio ai Musei Capitolini è giunto al termine.

L’incontro con personaggi e opere straordinarie ha offerto agli apprendisti imperatori una lezione sul coraggio, l’amore per la bellezza e la compassione. I piccoli visitatori ora conoscono il valore del rispetto e l’equilibrio tra lavoro e riposo, come l’importanza di una mente aperta e curiosa.

Pronti a vestire la toga color porpora e salire sul trono di Roma?

Mappa-kids-tour-Capitolini_blog