Gli acquerelli di Ettore Roesler Franz


video-franzFino al 3 maggio 2009, un’occasione unica per ammirare 111 dei 119 acquerelli della serie “Roma Pittoresca. Memorie di un’era che passa” di Ettore Roesler Franz, meglio conosciuta come “Roma sparita”. Al Museo di Roma in Trastevere.
(click sull’icona per vedere una breve presentazione in video)

Le opere furono realizzate nell’arco di vent’anni dal 1876 al 1896 circa e rappresenta l’unica testimonianza della città prima dei grandi cambiamenti urbanistici e architettonici, decisi subito dopo il 1870 per adeguarla al ruolo di capitale d’Italia. Gli acquerelli, che occupano tutto il primo piano del Museo, sono stati suddivisi in cinque aree tematiche: Soglie, Religiosità, Ghetto, Tevere e Mestieri.
Nella prima Sala, denominata Soglie, sono esposte 10 opere che raffigurano archi, portoni di edifici, portali di chiese o di luoghi di culto.
Nella seconda Sala della Religiosità sono esposte 17 che rappresentano alcune tra le più belle chiese di Roma. La prima Galleria, invece, ospita 18 acquerelli che raffigurano il Ghetto e i dintorni ovvero l’antico quartiere ebraico della città.
Nella seconda Galleria sono esposte 33 opere che raffigurano il fiume Tevere ancora privo di argini, in un itenerario che ne segue il corso da nord a sud ovvero dalle Rive dei Prati di Castello fino al Porto di Ripa Grande.
Infine nella terza Galleria sono esposti 33 acquerelli che rappresentano mestieri o attività di pertinenza femminile o maschile come le filatrici, le rammendatrici, le lavandaie o il carrettiere, il maniscalco, il selciaiolo. Inoltre in quaesta sezione sono rappresentate le varie tipologie di trasporto dei pesi, sulla testa o sulle spalle se si tratta di uomini o donne, o animale con i vari tipi di carro. Numerosi sono anche i particolari dell’arredo urbano, come le targhe stradali, i manifesti elettorali, le insegne delle botteghe e delle osterie.