Ars in Ara: the day after


E’ stato un bellissimo evento quello del 5 e 6 giugno all’Ara Pacis! La platea dell’Auditorium era estesa al web e a Second Life dove, grazie al video streaming trasmesso da 2lifecast e diffuso da Rai.it, centinaia di persone hanno potuto seguire il convegno in diretta senza trovarsi obbligatoriamente a Roma. Sono infatti circa novecento le persone che hanno seguito online i dibattiti. Un numero che ci fa ben sperare come l’evoluzione culturale in atto cominci ad interessare anche chi non vi partecipa attivamente.
Mi diceva Stefano Lazzari, responsabile dello streaming, che nella sola giornata di venerdì è stata consumata la banda che solitamente viene impiegata durante un mese di intenso lavoro (con tre eventi in streaming al giorno). Non possiamo che gioirne, ringraziando ancora una volta Zétema e l’Assessorato alla Cultura e della Comunicazione del Comune di Roma che ci hanno dato questa possibilità, ma anche tutte le persone che hanno supportato l’evento diffondendone notizia. Un ringraziamento particolare va a Micaela Cini che ha curato il live blogging su Facebook e supportato lo streaming. Ad Alessandro Tartaglia per il video promo, diventato la sigla delle sessioni del convegno. A Nicola De Toma per le riprese live. A Carlo Infante, straordinario conduttore dei panel di venerdi 5. A Derrick De Kerckhove per averci letteralmente regalato una magnifica lezione magistrale. Un ringraziamento a tutti i relatori che hanno portato testimonianza del loro operato con impegno e professionalità. Infine ringrazio di cuore Paolo Valente che mi ha affiancata organizzando efficacemente il programma di Ars in Ara, augurandomi che questo sia il primo passo di un percorso innovativo di cui la Capitale deve essere promotrice oltre che sede.
Nei prossimi giorni le registrazioni video dell’intero convegno saranno disponibili online.