NOTTE DEI MUSEI e comunicazione online


Come avete letto i visitatori della seconda edizione della Notte dei Musei a Roma sono stati ben 200.000, 50/70mila in più rispetto allo scorso anno.
Questo dato è virtualmente confermato anche dalle statistiche del blog dei Musei che nella scorsa edizione aveva rilevato 4.180 utenti unici nella sera stessa dell’evento. Invece quest’anno le visite degli utenti, almeno triplicate, si sono diluite equamente durante le due settimane antecedenti l’evento. Negli ultimi tre giorni, circa mille utenti al giorno hanno letto i post relativi alla Notte dei Musei e solo 1500 sono stati rilevati nella giornata di ieri.
Grazie alla distribuzione crossmediale dell’informazione in partenza dal blog, a Facebook con il gruppo Musei 2.0 e quello dell’evento, al sito dei Musei in Comune ed i singoli siti dei Musei, oltre a quello del Ministero dei Beni Culturali,  alla Camera di Commercio di Roma, all’università La Sapienza, all’aggregatore  Tocqueville ed altre fonti di divulgazione indipendente, gli utenti hanno dunque avuto la possibilità d’essere informati quotidianamente e con anticipo, e pianificare i loro percorsi della Notte.
La fitta pioggia nulla ha potuto contro la forza dell’evento, che per la seconda volta ha dato la possibilità di valutare il bisogno collettivo di condividere qualcosa di migliore del solito pub. Moltissimi giovani erano in fila ad attendere il loro turno per entrare nei musei: una coppia di 18enni ci ha rivelato che per vedere Caravaggio gratis avrebbe fatto… non due, ma quattro ore di fila!
Altri che erano in fila o dentro le sale, avevano un atteggiamento rispettoso ed educato, dissimile a quello che invece tengono guidando (per esempio) l’auto per le strade della Capitale. Come dire: la Cultura ci rende migliori, ci fa più consapevoli della libertà altrui e di noi stessi.
Come sostiene Alemanno, sono in molti ad augurarsi che musei e spazi culturali possano diventare anche punti di ritrovo. Noi siamo sicuri che trasformando i cittadini in fruitori abituali dei luoghi di cultura diventi inevitabile anche una crescita interiore e individuale, fatta di maggiore sensibilità e di consapevolezza che il tempo si può consumare in maniera differente da quella del consumismo compulsivo.

QUI alcune foto di ieri sera e dell’incontro del Sindaco con la stampa, insieme all’assessore alle Politiche Culturali e della Comunicazione Umberto Croppi, al presidente di Zétema Francesco Marcolini, al presidente della Commissione Cultura Federico Mollicone, all’AD di Zétema Albino Ruberti, al direttore dei Musei Capitolini Claudio Parisi Presicce.

Qui le foto di Piazza del Campidoglio con l’installazione luminosa “Lights for Memories” ed alcune foto dell’incontro stampa, tratte dal blog del Sindaco.

Tra qualche giorno pubblicheremo un video che abbiamo girato ieri sera durante l’itinerario tra alcune manifestazioni, per condividere con chi non ha potuto esserci i colori e i suoni di questa bellissima festa.