I Cavalieri di Colombo e Roma


E’ stata presentata questa mattina alla stampa dal Sovraintendente ai Beni Culturali del Comune di Roma Umberto Broccoli e dal Cavaliere Supremo dei Cavalieri di Colombo Prof. Carl A. Anderson la mostra “Everybody Welcome, Everything Free: I Cavalieri di Colombo e Roma, celebrazione di 90 anni di amicizia” ai Musei Capitolini – Palazzo Nuovo, che resterà aperta fino a domenica 31 ottobre 2010.
L’esposizione racconta il ruolo dei Cavalieri di Colombo negli ambiti più diversi: nel costruire e gestire i campi di gioco per i bambini della città di Roma; nei restauri in Vaticano; come canale diplomatico non ufficiale tra gli Stati Uniti ed il Vaticano prima del riconoscimento diplomatico formale del Vaticano da parte degli Stati Uniti negli anni ottanta. In mostra ci sono foto, documenti, articoli di giornali, opere d’arte e oggetti tra cui segnaliamo l’inedita lettera da Papa Pio XII al Presidente Franklin Delano Roosevelt (Città del Vaticano, 30 Agosto 1943), segnata come “personal” da Papa Pio XII al Presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt, in cui richiedeva che le Forze Alleate “risparmiassero le popolazioni civili innocenti” dai raids aerei a Roma. Fu affidata al Direttore dei Cavalieri di Colombo a Roma Enrico Galeazzi per consegnarla personalmente al Presidente, ma quando Galeazzi arrivò negli Stati Uniti, l’Italia aveva già firmato armistizio con gli Alleati, e quindi la Germania invase Roma. La lettera non fu mai consegnata.

In questo video la presentazione del Sovraintendente Broccoli.