a Oriente: Città, Uomini e Dei sulle Vie della Seta


Con l’eccezionale nubrifagio odierno è stata una vera avventura raggiungere la mostra “a Oriente: città, uomini e dei sulle Vie della Seta”… ma ne è valsa la pena perchè la mostra E’ una magnifica avventura! (QUI un po’ di foto scattate stamattina).
Ospitata nelle grandiose Aule delle Terme di Diocleziano, eccezionalmente aperte per questa occasione dalla Sovraintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, la mostra è un viaggio visivo, sonoro ed emotivo, grazie al progetto artistico e allestimento multimediale di Studio Azzurro, collettivo artistico milanese, conosciuto ed apprezzato a livello internazionale, che abbiamo seguito da molti anni nelle sue straordinarie proposte innovative multimediali.
Attraverso i filtri dello sguardo, dei suoni, delle voci e dei gesti, la messa in scena multimediale interpreta dodici luoghi emblematici, capaci di raccontare la complessità e la contaminazione culturale e religiosa delle Vie della Seta. La cassa di legno, sistema di archiviazione del materiale archeologico conservato in questi spazi, diviene metafora del viaggio e supporto per le videoinstallazioni, utile per la messa in scena che si sviluppa qui nel tempo e nello spazio tra reperti preziosi e pezzi rari che dialogano con ampi scenari, echi di voci lontane e storie di luoghi e personaggi senza tempo.
Il fil rouge delle tre grandi religioni (buddhismo, cristianesimo e islam) che caratterizzarono le rotte terrestri delle Vie della Seta dal II secolo a.C. al XIV secolo d.C. accompagna il visitatore lungo un articolato percorso multimediale, che si snoda nei suggestivi ambienti delle Terme di Diocleziano. Nei luoghi che la mostra racconta, culla di civiltà popolate da genti di diversa origine e provenienza, non di rado buddhismo, cristianesimo e Islam trovarono impensabili occasioni di convivenza fraterna e di reciproca tolleranza.
Una mostra straordinaria che non si può raccontare, ma che è necessario vedere perchè interattiva.
La mostra, che si svolge nell’ambito della Biennale Internazionale di Cultura Vie della Seta, resterà alle Terme di Diocleziano fino al 26 febbraio 2012.