Giovani talenti – Voci della periferia


Fino al 20 novembre al Museo delle Mura 12 giovani pittori, fotografi, scultori e videomaker romani raccontano la periferia nella mostra “Voci della periferia” per la quale sono stati selezionati attraverso un bando di concorso.
L’esposizione, curata da Costantino D’Orazio, è una selezione di artisti che stanno muovendo i primi passi ad un livello professionale ma anche di alcuni tra i migliori rappresentanti della più giovane generazione di pittori, fotografi, scultori e videomaker, che operano a Roma. L’analisi dei loro lavori ha dimostrato come la periferia romana sia un contesto che gli artisti oggi non vogliono demonizzare o giudicare con severità, bensì raccontare in tutte le sue contraddizioni.
Nessuna delle immagini presenti in mostra offre una visione stereotipata della periferia urbana, ma mira a superare i pregiudizi e a scoprire i lati più inediti di quartieri come il Tuscolano, il Corviale, la Caffarella o la Via del Mare. In alcuni casi, la periferia viene evocata più come concetto e stato esistenziale, attraverso operazioni estremamente simboliche.
Francesca Romana Pinzari, Marco Raparelli, Maria Teresa Zingarello e Silvia Pujia, Fabrizio Sartori, Jacopo Bonifaci, Caterina Nelli, Gabriele Di Stefano, Enrica Gialanella, Mariangela Colaguori, Mauro Vitturini e Sara Basta sono accomunati da uno sguardo attivo nei confronti del contesto urbano, che mira a trasformarne l’immagine e, soprattutto, ad incidere nell’immaginario collettivo.
Il Museo delle Mura, allestito all’interno dell’antica Porta di San Sebastiano, ancora oggi soglia tra il contesto urbano e meno edificato dell’Appia Antica, si presenta come il luogo più adatto per la presentazione di una articolata riflessione sul concetto di periferia. In occasione della mostra, il Museo resterà aperto in orario serale venerdì e sabato, dalle 19 alle 23 fino al 20 novembre.